Circuiti integrati: dopo il Grafene ecco lo Stanene

Non molto tempo fa alcuni ricercatori del Nanoelectronics Research Lab alla University of California, Santa Barbara, hanno reso noto il possibile design di un circuito integrato interamente composto da grafene, senza interconnessioni metalliche.
Lo scopo di queste ricerche è quello di trovare dei nuovi materiali più efficienti e resistenti che garantiscano una potenza di calcolo maggiore unita a un consumo energetico accettabile.

download

Seppur il rame abbia un’ottima capacità di trasmettere segnali elettrici anche a temperature elevate, risulta piuttosto fragile e non sufficientemente efficiente.
Proprio per questo motivo il team del SLAC National Accelerator Laboratory di Stanford ha trovato una valida alternativa al rame: lo stanene.

La struttura dello stanene può essere paragonata a quella del grafene, ossia costituita da un singolo strato di atomi, in questo caso di Stagno. Peculiarità principale dello stanene è l’essere un isolante topologico, ossia che al suo interno si comporta come un materiale isolante, mentre in superficie come conduttore elettrico.
Il team di ricercatori ha inoltre scoperto che aggiungendovi delle particelle di fluoro, il materiale mantiene un’efficienza pari a quasi il 100% nella trasmissione del segnale elettrico fino alla temperatura di 100°C.

[banner]

Teoricamente quindi, sostituendo i componenti in rame con altri in stanene, ne risulterebbe un dispositivo con consumi significativamente ridotti (comportando quindi un incremento dell’autonomia dei dispositivi che utilizzeranno questa tecnologia), prestazioni migliori e maggior solidità strutturale.
Ricordo che il tutto è ancora in fase sperimentale, ma l’obiettivo rimane sempre lo stesso: trovare delle soluzioni innovative per quanto riguarda la tecnologia dei microchip in modo tale da portare vantaggi concreti all’utente finale.

Per maggiori informazioni sullo stanene vi rimando al sito della SLAC

Enjoy!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.