SolidEnergy: le batterie che dureranno il doppio

Mentre le specifiche hardware degli smartphone continuano a migliorare, le tecnologie utilizzate per le batterie dei dispositivi mobile sono le stesse da anni, ma ancora per poco.
Arriva da SolidEnergy, una nuova startup “sfornata” dal MIT (Massachusetts Institute of Technology), una delle più importanti università di ricerca del mondo, la svolta per il mondo delle batterie per smartphone. Si tratta di una nuova tecnologia che prometterebbe ad incrementare la durata delle batterie fino al doppio delle prestazioni delle attuali agli ioni di litio.

La tecnologia ideata da SolidEnergy si basa sull’utilizzo di una lamina super-sottile di rame in sostituzione all’anodo in grafite, permettendo di ridurre notevolmente le dimensioni delle batterie, ottenendo quindi più spazio utilizzabile per aumentarne la capacità.

SolidEngery-battery-size-710x298

L’utilizzo degli elettrodi di litio nelle batterie è stata la tecnologia al centro dell’attenzione per diversi anni, ma questa è risultata inadeguata con l’utilizzo prolungato. Il litio infatti può reagire con gli elettroliti della batteria, impedendo col tempo il corretto flusso di corrente, il che porta al degradarsi della batteria stessa. Tale reazione porterebbe inoltre alla creazione di dendriti, che potrebbero fare corto circuito e potenzialmente dar fuoco all’elettrolita stesso.

Per evitare tali problematiche, la tecnologia SolidEnergy fa uso sia dei tradizionali elettroliti liquidi sia di altri solidi e meno reattivi, in modo da garantire una corretta conducibilità senza gli effetti negativi degli attuali elettroliti al litio. All’anodo di litio viene affiancato un foglio sottilissimo di un elettrolita solido, sufficientemente sottile da permettere il corretto flusso di corrente, al tempo stesso evitando la possibilità di un corto circuito.

Inoltre questa tecnologia non permette solamente di “salvare spazio”, è stato dimostrato che risulti piú resistente all’usura. Dopo oltre 100 cicli completi di carica è risultato che tali batterie abbiano perso soltanto circa il 20 percento della capacità iniziale.

Il rilascio sul mercato di smartphone e tablet delle prime batterie con tale tecnologia è previsto per il 2016.

Enjoy!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.